Sezioni

Persone con disabilità

La rete dei servizi presenti sul territorio ferrarese per assistere persone con disabilità è possibile grazie alla collaborazione e integrazione dei Comuni della provincia e alle Aziende sanitarie locali.
come-assistere-persone-disabili_7040a508e88c1565386802e49a2dc48b.jpg

L'assistenza domiciliare Integrata (ADI)

Il servizio di assistenza domiciliare fornisce cure domiciliari a persone non autosufficienti o impossibilitate, per gravi motivi di salute, a uscire di casa, e che necessitano di un’assistenza personalizzata sanitaria e sociale. È un servizio reso al cittadino che vede coinvolte le strutture ospedaliere e quelle residenziali per anziani non autosufficienti. Infatti, garantisce la continuità assistenziale ai pazienti che necessitano di dimissioni protette, al termine di un periodo di ricovero ospedaliero. L’assistenza domiciliare prevede l’integrazione delle varie figure professionali coinvolte (medici di medicina generale, infermieri, medici specialisti, assistenti sociali, assistenti di base e membri delle associazioni del volontariato).

I destinatari dell’ADI sono principalmente:

  • Pazienti affetti da patologia in fase terminale
  • Pazienti in fase acuta di patologie croniche
  • Pazienti dimessi o dimissibili da strutture ospedaliere e residenziali
  • Bambini con patologie croniche e in particolari condizioni di disagio sociale
  • Portatori di gravi disabilità

Come

Per ottenere l’attivazione di questa forma di assistenza al domicilio è necessario consultare il proprio medico di medicina generale che valuta in base alle condizioni sanitarie dell’assistito la necessità di attivare l’intervento a domicilio.
Se invece il malato è ricoverato il medico ospedaliero può concordare con il medico di medicina generale la necessità di effettuare una dimissione protetta.

Dove

  • Ferrara – via Cassoli 30, tel. 0532 235789/0532 235614, e-mail adiferrara@ausl.fe.it
  • Copparo c/o Casa della salute tel. 0532 879732, e-mail adicopparo@ausl.fe.it
  • Cento – via XXV Aprile 1/B, tel. 051 6838505/051 6838310, e-mail saubcento@ausl.fe.it
  • Codigoro – via R. Cavallotti 347, tel. 0533 729907, e-mail adicodigoro@ausl.fe.it
  • Portomaggiore – via E. De Amicis 22, tel. 0532 817582/0532 817455, e-mail adiporto@ausl.fe.it

 

Assistenza protesica

Per accedere alle diverse forme di assistenza protesica, quali dispositivi protesici su misura e di serie, presidi per l'incontinenza, assistenza per terapia respiratoria domiciliare, ausili per stomie.

Cosa fare per ottenere l'erogazione di:

 

L’assegno di cura

Per coloro  che assistono in casa persone ammalate non autosufficienti, persone con gravi disabilità non autosufficienti o a rischio di non autosufficienza, in particolari condizioni di reddito e a seconda del grado di non autosufficienza della persona ammalata, è prevista anche la possibilità di avere un “assegno di cura”: un contributo economico erogato dalla Regione.
Per l’assegno di cura occorre rivolgersi all’assistente sociale del Comune di residenza o al Servizio assistenza anziani del proprio Distretto dell’Azienda Usl di residenza.

Per saperne di più clicca qui

Assegno di cura per l’assistenza a casa di persona con disabilità

L’assegno di cura è un contributo economico destinato alla persona con disabilità grave con gravissima disabilità acquisita. Può essere erogato direttamente alla persona disabile, alla sua famiglia o ad altre persone che si incaricano dell’assistenza. L’assegno di cura è alternativo all’inserimento in una struttura residenziale e permette alla persona con disabilità di rimanere nel proprio contesto sociale e affettivo e di condurre una vita il più possibile indipendente.
L’assegno di cura viene erogato dopo la valutazione dell’assistente sociale e la visita di operatori sociali e sanitari che elaborano un piano di assistenza personalizzato.
L’assegno non è un contributo economico a domanda ma un’opportunità di intervento della rete dei servizi. Il cittadino non deve pertanto presentare una domanda di contributo, ma segnalare ai Servizi sociali del proprio territorio (Comune di residenza) le proprie necessità di aiuto.

La rete degli sportelli territoriali Sociale

Domanda per il riconoscimento dei benefici in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità

Uffici Assistenza protesica e integrativa

Si occupano di istruire le procedure amministrative per assicurare:

Assistenza integrativa:

Per ottenere l'assistenza protesica e integrativa è necessario rivolgersi agli sportelli CUP (per conoscere gli sportelli clicca qui) presenti sul territorio provinciale

Pagine utili

Fondo regionale della non autosufficienza. La Regione sostiene i servizi socio-sanitari domiciliari, diurni e residenziali dedicati alle persone con disabilità grave e gravissima, che vengono gestiti in ogni distretto socio-sanitario della regione dai Comuni e dalle Aziende USL, anche attraverso soggetti del terzo settore (associazioni, cooperative sociali, fondazioni, enti religiosi..). Per ricevere gli interventi rivolti alle persone con disabilità è necessario rivolgersi direttamente ai servizi sociali e sanitari del Comune di residenza o dell'Azienda USL.

 

Convenzioni celiachia

Per i negozi che distribuiscono prodotti per celiaci e che intendono stipulare la convenzione con l'Azienda USL di Ferrara per l'erogazione in regime di SSN di prodotti per celiaci è necessario:
- Visionare il disciplianare tecnico di seguito riportato;
- Presentare la relativa domanda utilizzando il modulo di adesione sottostante;
- Inviare la documentazione (Modulo di adesione e convenzione in duplice copia con marca da bollo come da nota informativa) tramite posta ordinaria a: Azienda USl di Ferrara - Unità Operativa Servizi Amministrativi Distrettuali - Via Cassoli, 30, 44121 Ferrara.

E' possibile altresì consegnare direttamente la documentazione al Protocollo Generale dell'Azienda (clicca qui per vedere la sede e gli orari di apertura al pubblico

Disabilità Adulti

La rete di offerta dei servizi per disabili è costituita prevalentemente dai Centri Socioriabilitativi diurni o residenziali a gestione diretta aziendale o in accreditamento.
Oltre a questi Centri esistono offerte di servizi alternativi quali laboratori protetti, inserimenti lavorativi, assistenza domiciliare, sostenuti attraverso l’erogazione di assegni di cura prevalentemente gestiti dai Servizi Sociali, che, in alcune situazioni, prevedono anche la partecipazione del servizio sanitario.
Il punto di accesso alla rete dei servizi è costituito dall’Unità di Valutazione Multidimensionale Disabili (U.V.M.), che opera a livello territoriale e propone soluzioni assistenziali diversificate sulla base dei bisogni della persona .

All'Unità Operativa “Disabilità Adulti” sono affidate le seguenti funzioni:

  • Funzione “valutativa” attraverso le Unità di Valutazione Multidimensionale Disabili Adulti (UVM-D);
  • Coordinamento del passaggio alla rete della disabilità adulta dei minori al compimento della  maggiore età;
  • Coordinamento e sorveglianza dell'assistenza nei Centri Residenziali e Semi-Residenziali per  adulti;
  • Programmazione e gestione delle attività che afferiscono al Fondo Regionale della Non Autosufficienza, per quanto concerne gli interventi rivolti alla popolazione disabile adulta;
  • Gestione dei rapporti con gli Uffici di Piano Distrettuali, per l'integrazione delle attività socio-sanitarie con i Comuni e i Servizi Sociali Territoriali, per quanto di pertinenza all'area della disabilità;
  • Gestione delle attività connesse al Programma di Accreditamento Socio Sanitario dei CSRR e dei CSRD, per quanto di competenza dell'Azienda USL (funzione di committenza);
  • Gestione dei rapporti con l'UO Medicina Legale per le attività connesse alle Commissioni Invalidi  Civili.
  • Collaborazione con le commissioni territoriali per le Gravissime Disabilità Acquisite.

Sede delle attività

  • Unità di Valutazione Multidimensionale Distretto Centro Nord
    Pontelagoscuro (Fe) - piazza B. Buozzi, 14- Assistente Sociale Dott.ssa V. Fichera - Tel. 0532 466981
    Copparo - Via D. Alighieri, 8.- Assistente Sociale Dott.ssa R.Bizzi Tel. 0532 871610

 

  • Unità di Valutazione Multidimensionale Distretto Ovest :
    Bondeno - Via Turati, 2 -  Assistente Sociale Maria Serrato -  tel.0532 899502
    Cento - Via Malagodi, 12 – Pedagogista Dott.ssa Gabriella Santilli – tel. 051 6843350
    Distretto Sud Est  – Portomaggiore UVM, Via De Amicis n. 22 – Portomaggiore (Ferrara)
    Distretto Sud Est  – Codigoro UVM, Via Riviera Cavallotti  n. 347 – Codigoro (Ferrara)
  • Unità di Valutazione Multidimensionale Distretto Sud Est:Codigoro - V. Cavallotti 347 – Assistente Sociale Sonia Di Nardo Di Maio – tel. 0533 729803
    Portomaggiore V. De Amicis n. 22  - Assistente Sociale Valeria Mantovani tel.  0533 729 803

 

La Mappa della salute

La mappa della salute della Regione Emilia-Romagna nasce come progetto del Piano regionale della prevenzione. Attraverso mappe georeferenziate di tutte le province dell’Emilia-Romagna, da Piacenza a Rimini, propone oggi 130 Gruppi di cammino promossi da tutte le Aziende Usl a livello locale, ma anche tante altre occasioni di attività motoria in gruppo con cadenza almeno settimanale e 181 associazioni sportive che offrono a persone disabili l'opportunità di praticare attività motorie e sportive. Le mappe sono consultabili in modo interattivo, basta cliccare su uno dei segnaposto visualizzati e compaiono indirizzi, recapiti telefonici e referenti a cui rivolgersi.

http://www.mappadellasalute.it/

http://www.positivoallasalute.it/palestre-che-promuovono-salute

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/07/19 13:06:00 GMT+2 ultima modifica 2018-10-01T10:21:31+02:00