Salta ai contenuti.Salta alla navigazione

In caso di mastectomia: cosa si può fare

In caso di intervento chirurgico di mastectomia di una o entrambe le mammelle, è importante ricostituire il seno o i seni operati, oltre che per un aspetto estetico, anche per mantenere una corretta posizione delle spalle e della schiena, grazie al ripristino di un uguale peso delle due metà del corpo.
Per tornare alla naturale forma del seno, si può ricostruire chirurgicamente la mammella, oppure si può utilizzare una protesi esterna.

… importante che la scelta fra queste due possibilità sia personale, in considerazione delle proprie esigenze.

La ricostruzione chirurgica del seno per ritrovare la forma del seno asportato, può essere effettuata inserendo una protesi, oppure usando porzioni di muscoli o di tessuto prelevati in altre zone del corpo.
La ricostruzione può essere eseguita nella stessa occasione della mastectomia, oppure in tempi successivi.
Per ottenere una maggiore simmetria dei seni è possibile intervenire chirurgicamente anche sulla mammella sana. E' importante valutare accuratamente insieme al chirurgo sia le caratteristiche di questo ulteriore intervento, che le modificazioni di sensibilità e funzionalità della mammella successive alla ricostruzione.
Le protesi mammarie esterne hanno la forma della mammella e vengono inserite in un apposito reggiseno. Queste protesi, anche se messe a contatto con la pelle, non causano reazioni allergiche. Sono disponibili in diverse forme, facili da igienizzare e resistenti.
Sono considerate presidi sanitari erogati dal Servizio Sanitario Nazionale.