Salta ai contenuti.Salta alla navigazione

Navigation
  • #Dati
  • Cosa sono i Dati Aperti

Cosa sono i Dati Aperti

(Open Data)

"Un dato è aperto se chiunque ha la libertà di usarlo, riusarlo e ridistribuirlo, senza ulteriori restrizioni diverse dall'obbligo di citare la fonte e di rispettarne l'integrità"
(http://opendeinition.org)

A quale scopo una Pubblica Amministrazione apre i dati?

Per permettere a tutti di fare cose utili e di valore utilizzando i dati pubblici.

 

Dal Codice Amministrazione Digitale (art. 68 comma 3)

Agli effetti del presente decreto legislativo si intende per:

  1. formato dei dati di tipo aperto, un formato di dati reso pubblico, documentato esaustivamente e neutro rispetto agli strumenti tecnologici necessari per la fruizione dei dati stessi;

  2. dati di tipo aperto, i dati che presentano le seguenti caratteristiche:

1) sono disponibili secondo i termini di una licenza che ne permetta l'utilizzo da parte di chiunque, anche per finalità commerciali, in formato disaggregato;

2) sono accessibili attraverso le tecnologie dell'informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche pubbliche e private, in formati aperti ai sensi della lettera a), sono adatti all'utilizzo Automatico da parte di programmi per elaboratori e sono provvisti dei relativi metadati;

3) sono resi disponibili gratuitamente attraverso le tecnologie dell'informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche pubbliche e private, oppure sono resi disponibili ai costi marginali sostenuti per la loro riproduzione e divulgazione. L'Agenzia per l'Italia digitale deve stabilire, con propria deliberazione, i casi eccezionali, individuati secondo criteri oggettivi, trasparenti e verificabili, in cui essi sono resi disponibili a tariffe superiori ai costi marginali. In ogni caso, l'Agenzia, nel trattamento dei casi eccezionali individuati, si attiene alle indicazioni fornite dalla direttiva 2003/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 novembre 2003, sul riutilizzo dell'informazione del settore pubblico, recepita con il decreto legislativo 24 gennaio 2006, n. 36.